Vittoriano: simbolo d’identità nazionale

Capodanno Roma 2015 - piazza VeneziaIn pochi riescono a resistere ad una fotografia dinanzi al Vittoriano o meglio conosciuto come Altare della Patria. Il monumento è collocato al Campidoglio, nella centralissima Piazza Venezia, ed è opera di Giuseppe Sacconi. Il suo nome deve le sue origini a Vittorio Emanuele II di Savoia, primo re d’Italia. Venne inaugurato il 4 Giugno 1911, alla presenza della famiglia sabauda e dell’allora presidente del consiglio Giovanni Giolitti.

La storia

L’Altare della Patria, progettato da Sacconi, si spirava ai grandi santuari ellenistici, come l’altare di Pergamo e il Santuario della Fortuna Primigenia di Palestrina; il monumento fu ideato come un grande foro aperto ai cittadini, in una sorta di piazza sopraelevata nel cuore della capitale, simbolo di un’Italia unita che si affiancava ai monumenti della Roma dei Cesari e dei Papi.

Dopo la morte di Sacconi, avvenuta nel 1905, i lavori proseguirono sotto la direzione di Gaetano Koch, Manfredo Manfredi e Pio Piacentini; vi lavorò intensamente anche l’architetto Guido Cirilli. La costruzione del Vittoriano indusse ad ampliare e ridisegnare la forma della sottostante Piazza Venezia, che ebbe la sua forma attuale, basata sulle idee del Sacconi, nel 1906.

Nel 1921 il monumento fu scelto per accogliere il Milite ignoto, la cui salma fu tumulata nell’Altare della Patria il 4 novembre del 1921, con una cerimonia a cui partecipò un’immensa folla e alla presenza di Vittorio Emanuele III e della regina Margherita.

Nel 1969 il monumento fu colpito da un attentato, a seguito del quale si decise di disporre la chiusura al pubblico. Venne riaperto, dopo decenni, soltanto nel 2000.
Oggi il Vittoriano è una struttura di particolare importanza storico e artistica. E’ costituito da una scalinata e da due terrazze. Di particolare interesse è la statua equestre, alta 12 metri, lunga 10 e realizzata con 50 tonnellate di bronzo.

Il Vittoriano oggi

Il Vittoriano, da più di un secolo dalla sua nascita, è divenuto elemento d’identità nazionale, basti pensare alle celebrazioni del 2 giugno per la festa della Repubblica. La notte di Capodanno è possibile assistere al concerto gratuito, organizzato dal Comune di Roma, che si svolge proprio a due passi da questa bellissima e sempre affascinante struttura.