Capodanno a Roma

Origine del mercatino di Natale

Casette di legno e tetti spioventi riempiono le nostre città in questo periodo natalizio. Fin dalla nostra infanzia esse sono sinonimo di festività e calore natalizio, ma eppure quando sono comparse nelle nostre città? Che cosa significano?

In questo articolo esploreremo le origini del mercatino di Natale, dov’è nato e come si è diffuso fino ai giorni nostri, in cui si trova in ogni città.

Il primo mercatino di Natale era viennese

Il primo mercatino di Natale è originario della città di Vienna. Nel 1298, durante il Medioevo, agli abitanti del Paese fu concesso un Krippenmarkt, un mercatino natalizio.

Erroneamente si associa il primo mercatino alla Germania, perché lì arrivarono solamente nel 1384, a Bautzen, nell’odierna Sassonia.

Originariamente i primi mercatini erano dediti solamente alla vendita di carne. Con il tempo espansero il loro business alimentare e poi arrivarono ad introdurre beni di lusso, giocattoli e produzioni artigianali.

 

Martin Lutero e i mercatini di Natale

Fu Martin Lutero a dare il più grande impulso ai mercatini di Natale. Era il XVI secolo e il pastore suggerì che anziché scambiarsi i regali per il 6 Dicembre, festa di San Nicola, com’era avvenuto sinora, bisognava invece farlo per la nascita del Cristo.

Così, dal 1517 il Krippenmarkt diventa il classico mercatino di Natale, il nome si trasformerà in Christkindlmarkt (Mercatino di Cristo) ed anche Weihnachtsmarkt, ovvero Mercatino dell’Avvento.

Proprio per questa stretta connessione con il calendario dell’Avvento, fino a qualche tempo fa i mercatini natalizi si concludevano il 24 Dicembre. Con l’avanzare del capitalismo questi spazi sono stati prolungati prima fino al 1 Gennaio e poi fino al 6.

Ma in città come Vienna, ancora sussiste una netta distinzione tra Mercatino dell’Avvento e Mercatino di Capodanno che si conclude a Gennaio.

 

Mercatino di Natale in Italia

L’Italia ha una storia abbastanza recente con i mercatini, nemmeno i nostri nonni li hanno vissuti. Infatti il primo mercatino di Natale sorse a Bolzano solamente nel 1990.

L’estendersi di questi eventi speciali è stata molto lenta e progressiva. Dapprima ci sono stati i mercatini del percorso 5 stelle:  Brunico, Bressanone,Vipiteno e Merano. Successivamente dal Trentino Alto – Adige sono scesi progressivamente lungo tutto lo stivale.

 

Mercatini di Natale imperdibili

Con l’evoluzione e la crescita dei mercatini di Natale, in Italia sono nati dei veri e propri punti di ritrovo bellissimi che gli appassionati visitano ogni anno, aldilà del luogo in cui abitano. Ecco quali sono:

  • Mercatini di Napoli: la Campania è la regina della rappresentazione del Natale, qui l’atmosfera natalizia si respira ad ogni angolo di strada. Nei mercatini è possibile acquistare qualunque cosa, dalle più spiritose e frizzanti alle più chic.
  • Mercatini Santa Maria Maggiore: in Piemonte, sorgono i bellissimi mercatini di Santa Maria Maggiore. Sono molto belli, riscaldati da stufette che sono state ricavate nei tronchi d’abete, e ricchi di punti per lo street food natalizio in cui gustare vin brulée e stinchet, le piadine piemontesi con burro e sale.
  • Mercatini di Trento: qui si trovano i più grandi di tutta Italia, con circa 100 casette. Un vero paradiso per gli amanti del Natale.

 

Potrebbe interessarti anche
In evidenza feste capodanno 2022